19 ottobre: è arrivata la “vòria de Sàn Pascàsie”

Nuvole
Quest’anno il primo vento freddo è arrivato puntuale. E’ la voria de Sàn Pascàsie che proviene da nord e fa abbassare le temperature fino alla breve estate di San Martino

La vòria de Sàn Pascàsie arriva prima della terza domenica di ottobre, giorno in cui a Guardia Sanframondi si teneva la fèria de San Pascàsie.

I contadini, gli allevatori e gli artigiani della zona si ritrovavano per acquistare e vendere ciò che poteva essere utile per l’imminente inverno. Si vendevano castagne, maiali, tacchini (pìnte), asini, cavalli, capre, pecore, conigli (cùcce), galline, baccalà, peperoni da mettere sott’aceto, maglie e calze di lana, scarpe per contadini.

C’erano anche venditori che andavano in giro con una canna portata verticalmente dalla quale pendevano lunghe stringhe di cuoio (le curiùle) ricavate da pelli di cane. Per la particolare caratteristica di resistere alla trazione, esse venivano utilizzate come lacci per le scarpe dopo essere state trattate col grasso.

 

One Comment

  1. Conosco bene S. Lorenzo, ci sono stato qualche anno fa in estate e ho qualche foto con la Saluzzo. Cercavo notizie sulla voria e mi sono puntualmente arrivate dal vostro sito. Poi Guasrdia, i Riti, etc: interessanti le tradizioni sannitiche.